Bambina che legge a letto

Trattamento CO.CLI.T.E

Trattamento abilitativo secondo le linee procedurali e le logiche della strategia ecologico-dinamica nel contesto del sistema CO.CLI.T.E. (Trattamento COgnitivo CLInico Trattamento Educativo).

É stato creato dal Prof. Crispiani Piero, pedagogista clinico, professore ordinario di Didattica generale e Pedagogia speciale presso l’Università di Macerata, è direttore scientifico del Centro Internazionale Dislessia e Disprassia (CIDD) e dell’Istituto Itard. Membro della British Dyslexia Association, è formatore dei terapisti e degli specialisti Itard. 

Secondo la TPM (Teoria prassico motoria) del Prof. Crispiani, la Condizione Dislessica non è una patologia, include sempre Dislessia Disgrafia e Disturbi delle abilità matematiche; è un Disturbo integrato , cioè un Disturbo dei processi coordinativi ed esecutivi  delle funzioni esecutive, che si esplicano fondamentalmente nella regolazione delle funzioni umane (motorie percettive, emotive, motivazionali, comunicative, intellettive, linguistiche, relazionali, operative).La dislessia è un Disturbo dell’esecuzione ( dell’esercizio, dell’automatizzazione) del leggere, scrivere, contare, incolonnare, comprendere il testo dei problemi, per effetto di ciò può disturbare gli apprendimenti. Si tratta di un Disturbo parzialmente pervasivo che interessa l’esecutività delle condotte nel loro ordine sequenziale, di natura motoria non linguistica, fonologica; pertanto la Dislessia viene intesa come Disprassia sequenziale.

 

Si legge bene, quando gli schemi e le funzioni necessarie all’esecuzione di lettura-scrittura-calcolo sono automatici e ben coordinati. In tal senso la dominanza laterale, la motilità oculare, l’inseguimento percettivo, la simultaneità, gli schemi crociati, giocano un ruolo fondamentale. Leggere, scrivere, calcolare o risolvere problemi matematici implicano necessariamente sapersi organizzare nello spazio e nel tempo ed avere una buona coordinazione.



TRATTAMENTO ABILITANTE PER DSA e DISPRASSIA

Il trattamento abilitativo ha come obiettivo quello di rendere il soggetto il più possibile autonomo, in grado di leggere, scrivere e calcolare con fluidità.

Il trattamento viene definito ecologico- dinamico.  Il metodo di intervento segue i seguenti principi:

  • l’ecologia, come approccio all’interezza delle funzioni umane;

  • la dinamicità, come tendenza alla rapidità dell’agire cognitivo. 

 

Ne deriva una procedura che attiva il leggere e lo scrivere unitamente alle funzioni motoria, percettiva, linguistica, intellettiva, mnestica definito ecologico-dinamico.

IL TRAINING COMUNE

Il trattamento si dispiega in prospettiva ecologica su 12 azioni attivando schemi in sequenza ed in regime di automatismi e di fluidità. Questo processo formativo si congiunge con l'Activity Gym e con il Cognitive Motor Training.

L’ACTIVITY GYM

La fase del trattamento è accompagnata, dalla Activity Gym; 5 minuti di dinamiche prassico-motorie intensive preparatorie alle attività abilitative (incipit del training), allertamento delle funzioni esecutive complesse, in quattro ambiti funzionali strategici per i coordinamenti neuropsicomotori   della Piattaforma dinamizzante : Rapidità dell’incipit, Fluidità generale, Schemi laterali e crociati, Schemi rotatori.

LE 12 AZIONI COGNITIVO-DINAMICHE

  1. L’AUTOANALISI

  2. LA MOTRICITA’

  3. LA PERCEZIONE

  4. LA MEMORIA

  5. IL LINGUAGGIO

  6. LA GRAFO-MOTRICITA’

  7. I BARRAGES

  8. LA LETTO – SCRITTURA

  9. LA COMPRENSIONE DEL TESTO NELLA LETTURA-SCRITTURA

  10. IL CALCOLO

  11. IL PENSIERO

  12. LA NARRAZIONE

COGNITIVE MOTOR TRAINING 

​Programma di attività motorie globali e sinergiche per il potenziamento generale e di tutte le funzioni esecutive mediante l’attivazione dinamica di schemi sequenziali fluidi, automatici ed autoregolati.

  • Il training è complessivamente

  • Orientamento ai vettori di Successioni – Automatismi - Fluidità che costituiscono il Polo SAF;

  • Condotto in un regime di fluidità e giusta pressione esecutiva.